Francesco Parisi

Biografia

Nato a Roma nel 1972. Frequenta l'Accademia di Belle Arti di Roma, dove segue il corso di pittura e realizza le prime xilografie.
Nel 1995 tiene la sua prima personale di dipinti presso la Galleria Guy di Parigi, città dove si trasferisce. Sempre nella capitale francese è allestita la seconda mostra personale presso la Galleria Danae (1997) e partecipa a numerose collettive.
Rientrato in Italia, si dedica a cicli pittorici legati al mito di Dioniso e approfondisce l'incisione su legno realizzando, tra l'altro, xilografie per il centenario della morte di F. Nietsche su commissione del Comune di Roma (2000) e per la Galleria Gonelli di Firenze in occasione delle celebrazione del centenario della morte di A. Böcklin (2001).
Nel 2002 la Galleria Comunale d'Arte Moderna e Contemporanea di Cagliari organizza una sua personale di xilografia, curata da Emanuele Bardazzi. Nello stesso anno ottiene una borsa di studio per l’incisione presso il Kultur-Institute Villa Romana Florenz (Firenze), la casa studio di Max Klinger. I dipinti di Dioniso, presentati per la prima volta nel 2001 da Barbara Martuscello alla Galleria Russo di Roma, sono esposti anche nel 2003 alla Galleria Comunale d'Arte Contemporanea di Ciampino (a cura di Tiziana Dacchille e Carlo Fabrizio Carli) e nella mostra personale presso la Galleria Muenchener Hausbau di Monaco nel 2004.
Parallelamente alla produzione pittorica e xilografica l’artista esegue pastelli sul tema del paesaggi romani che espone alla Galleria Scalzi di Latina (2002) e alla Galleria Russo di Roma (2004) con una presentazione di Fabio Benzi. Nel 2006 presenta una selezione di paesaggi realizzati durante il soggiorno americano in una personale alla Caelum Gallery di New York.
Nel 2009 espone nuovamente una selezione di olii, pastelli e incisioni alla Galleria Russo di Roma e nel 2012 gli ultimi lavori alla Galleria La Linea Arte Contemporanea (Roma).
Ha esposto inoltre in diverse rassegne e mostre nazionali a cura di Carlo Fabrizio Carli, Renato Miracco, Alberto Agazzani, Silvia Pegoraro, Tiziana Dacchille.
Autore di saggi e articoli sull'incisione, ha curato la mostra L’oro e l'inchiostro, La prima guerra mondiale nelle incisioni del Premio della Regina 1935, allestita nel 2004 presso la Galleria Comunale d'Arte Moderna e Contemporanea di Cagliari e ha tenuto conferenze sull’incisione presso il centro italo-tedesco Villa Ligoni di Loverno (Como). Ha curato il catalogo delle incisioni di Duilio Cambellotti (2008) e di Adolfo Wildt (2011) e il Catalogo Ragionato delle incisioni di Publio Morbiducci (2012).
Collabora con la rivista Grafica d’Arte e con diversi altri periodici scientifici sull’incisione.
Dal 2012 è titolare della cattedra di Incisione presso l’Accademia di Belle Arti di Macerata.
Vive e lavora a Roma.